Elenco dei post etichettati come innaffiatura

Cavolo broccolo

Postato il 13 ottobre, 2010 da

Si distinguono due varietà principali di broccolo a seconda che l’infiorescenza sia compatta o suddivisa in vari rami. Sopporta bene il freddo anche se preferisce climi miti, non necessita di particolari cure, se non un trapianto a distanza di 50 cm circa delle nuove piantine e di un’innaffiatura costante nel primo periodo di crescita.

Continua...
Cavolfiore

Cavolfiore

Postato il 6 ottobre, 2010 da

Il cavolfiore si adatta al freddo, ma cresce meglio in un clima mite e teme la siccità. Va seminato da maggio a luglio in dimore profonde un centimetro e trapiantato circa un mese dopo avendo cura di mantenere la distanza di circa 50 cm tra le piantine. La coltivazione nella stessa area deve seguire un […]

Continua...
Cetriolo

Cetriolo

Postato il 10 agosto, 2010 da

Le diverse varietà permettono di utilizzare il cetriolo per insalate o conserve sottaceto. Il clima migliore per questa pianta è temperato caldo con terreno ben concimato, umido ma senza ristagni. A fine inverno la semina avviene in cassetta con successiva messa a dimora a distanza di un mese, all’inizio dell’estate avviene nell’orto a pochi cm […]

Continua...

Innaffiamento a goccia

Postato il 5 agosto, 2009 da

L’innaffiamento a goccia offre molti vantaggi soprattutto nelle zone con maggior siccità. Si tratta di installare reti di condutture che instillino l’acqua goccia a goccia alla base delle piante con una frequenza precisa. In questo modo si crea uno strato di terreno umido attorno alle radici. In pratica è possibile stendere una tubatura lungo l’aiola, […]

Continua...
La cura dell'orto a luglio

La cura dell’orto a luglio

Postato il 29 luglio, 2009 da

Innaffiatura: l’evaporazione a luglio è elevata, quindi si rende necessario innaffiare tutti i giorni soprattutto le nuove semine e i trapianti. Protezione: contro la grandine sono utili reti protettive stese su supporti conficcati nel terreno. Disinfestazione: per avere prodotti sani le erbe infestanti vanno tolte manualmente man mano si presentano senza usare prodotti chimici che […]

Continua...
Raccolta dell'acqua piovana

Raccolta dell’acqua piovana

Postato il 22 luglio, 2009 da

Per una buona innaffiatura dell’orto, non tutta l’acqua piovana va raccolta. Generalmente la prima pioggia dopo un lungo periodo di siccità è carica di polveri e particelle inquinanti, quindi meglio lasciarla scorrere. Quando l’aria è stata ripulita dal primo acquazzone, invece, si può procedere alla raccolta usando contenitori capienti, bidoni e cisterne direttamente esposti alla […]

Continua...

Tipi di acqua per l’innaffiatura dell’orto

Postato il 20 luglio, 2009 da

Per innaffiare l’orto l’acqua migliore è quella piovana perchè offre notevoli vantaggi: ha una temperatura ideale per le piante; è dolce, cioè ha uno scarso contenuto di calcare, dannoso per le piante; permette un risparmio economico non indifferente.

Continua...
Quantità d'acqua nell'orto

Quantità d’acqua nell’orto

Postato il 17 luglio, 2009 da

Non tutte le piante dell’orto necessitano della stessa quantità d’acqua. Ecco alcune differenze: molta acqua: cavolfiori, cavolo cinese, sedano, rape, lattuga, carote, porri, pomodori, prugne; acqua in quantità moderata: cicoria, fagioli, cavoli verde, cetrioli, cavoli rapa, cipolle, cavoli di bruxelles, ravanelli, mele, pere, ciliegi;

Continua...